Sempre per quella storia del plagio (e delle facce di…)


Qualche giorno fa vi ho raccontato del simpatico blogger Alessio Tarsili e del suo blog interamente copiato da Obbrobbrio. Oggi vi parlo del blog “NonPuòEssereVero”, di una sedicente amica dello scopiazzatore, che ad agosto ha pubblicato un interessante post intitolato “Proprietà intellettuale e copyright”, una vera e propria invettiva contro la malsana abitudine di appropriarsi del lavoro altrui spacciandolo per proprio.
Ebbene, proprio la blogger in questione – galeotto fu quel contest – solo quattro giorni prima confessava di non poter resistere alla chiamata del suo amico-copione Tarsili.
Nel post in questione, l’autrice del blog scriveva sul conto del buon Alessio Tarsili le seguenti parole:

 

Cogliendo la palla al balzo, dopo aver scoperto il plagio ai miei danni avevo scritto un commento che diceva più o meno così: anch’io ho scoperto di avere molto in comune con il tuo amico Alessio. Infatti ha creato un blog identico al mio.
Il mio commento è durato giusto qualche giorno, poi la polvere è stata prontamente nascosta sotto il tappeto.
Ognuno ha il sacrosanto diritto di pubblicare o meno un commento sul proprio spazio, di evitare polemiche come la peste, di barricarsi dietro un “non sapevo niente”. E io credo di avere tutto il diritto di sputtanare qualcosa che mi ha fatto davvero girar le balle.
Ciò che mi chiedo è come si faccia a guardarsi allo specchio senza sentire la tentazione di sputarsi in un occhio, quando ci si comporta in una maniera così scorretta. Perché dal virtuale al reale il passo è breve, e lo sa bene chi mi ha contattato per spingermi a rimuovere questo o quel contenuto. Il web, si sa, può rappresentare la pietra tombale sulla reputazione di qualsiasi stronzo.


40 Commenti

  1. Io faccio pubblicità. Da un po' di tempo a questa parte vorrei farla a sti stronzi. Pubblicità comparativa tra l'originale e il copiatore. Sai che bello. La mia professione avrebbe finalmente un senso e una logica.

  2. Ciao! In realtà il commento è stato rimosso x un motivo ben preciso:non voglio essere coinvolta in alcun modo nella guerra legale che sta scaturendo 🙂
    Non é cattiveria o altro,ma se leggi il blog capirai che ho già un sacco di problemi ed essere coinvolta nella vostra diatriba legale è una cosa che eviterei volentieri 😉

  3. Ciao! In realtà il commento è stato rimosso x un motivo ben preciso:non voglio essere coinvolta in alcun modo nella guerra legale che sta scaturendo 🙂
    Non é cattiveria o altro,ma se leggi il blog capirai che ho già un sacco di problemi ed essere coinvolta nella vostra diatriba legale è una cosa che eviterei volentieri 😉

  4. Ciao! In realtà il commento è stato rimosso x un motivo ben preciso:non voglio essere coinvolta in alcun modo nella guerra legale che sta scaturendo 🙂
    Non é cattiveria o altro,ma se leggi il blog capirai che ho già un sacco di problemi ed essere coinvolta nella vostra diatriba legale è una cosa che eviterei volentieri 😉

    • Nessuno vuole coinvolgerti in qualcosa di natura legale, non impazzire per favore.
      Sarebbe bastato rispondere cordialmente al commento.
      La censura senza alcuna spiegazione è abietta. Poi, spazio tuo, affari tuoi.
      Diciamo che da una persona che ha vissuto una vicenza analoga ci si aspettava un atteggiamento diverso.
      Quello che io vedo da fuori, in quanto parte lesa (perché, sì, il blog è anche figlio a me), è che il povero scopiazzatore non sapendo più cosa fare vada a pregare i suoi "amici" per far scomparire di volta in volta ogni traccia di questa storia.
      Il fatto che tu copra questo comportamento ignobile (che tu stessa hai subito, seppur in maniera diversa) lascia perplessi.
      Per il resto, peace and love.

    • Non si tratta di corpire, si tratta di non voler essere coinvolta in un processo penale o amministrativo che sia.
      Quando è successo a me, per evitare grane, non ho mai scritto chi mi aveva copiato, sebbene mi rodesse in modo esagerato. E non è che non l'ho fatto perchè sono fessa,ma xchè è una cosa che non mi va di affrontare.
      Il plagio è un reato amministrativo -io mi sono mossa in quella direzione difatti- mentre se scrivo insulti ad una persona, per quanto possa avere tutte le ragioni di sto mondo, diventa un reato penale. Nel mio blog link che rimandano a post di questo tipo non ne voglio perchè non voglio essere coinvolta. Non è cattiveria o omertà,ma la strada giusta -secondo il mio punto di vista- non è infamare gli altri e coinvolgere persone che NON vogliono essere coinvolte,ma rivolgersi alle autorità competente 😉

    • No Alessandro. Ti ho anche scritto in privato,ma non mi hai nemmeno risposto.
      Io non voglio essere coinvolta in un processo per diffamazione visto che fino a due giorni fa non sapevo nemmeno della tua esistenza nè potevo immaginare che i post fossero copiati altrove. Tutto qui.

    • La risposta al tuo commento c'era e ti è stato detto chiaramente che link a post del genere non erano ammessi. E ,giustamente, dopo ho rimosso il commento.
      Ti chiedo da ore di non coinvolgermi in questa storia ,ma continui imperterrito.
      Hai le tue ragioni, ma rivolgiti alle sedi competenti, non mettere in mezzo gente che non c'entra!!!

    • io questa tua fantomatica risposta al commento non l'ho mai vista. Ho solo visto il mio messaggio sparire nel nulla. E comunque non mi pare di aver inventato qualcosa da queste parti, di conseguenza non dovresti aver nulla da temere.

  5. Occorre fare nome cognome, come hai fatto tu e anche insistere, se necessario, perché a certi st***i bisogna insegnare a vivere. E se non basta, come dice un'amica blogger, vai di polizia postale
    Ho avuto un caso simile, ho denunciato nel mio blog con nome e cognome: la persona ha chiuso il blog, riaperto, richiuso, ha cambiato il post che mi offendeva ( ma che avevo copiato, santo screenshot)…i codardi e i bugiardi, scappano.
    Tu resta, hai tutta la mia solidarietà 🙂

  6. ma che senso ha aprire un blog e copiare i testi degli altri…non è meglio scrivere di testa proprio e "rischiare" che qualcuno prima o poi apprezzi la farina del nostro sacco?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here