lunedì 31 marzo 2014

Racconti di merda 2014: chi sarà il vincitore?

Cari Visitor,

a trenta giorni dalla scadenza delle iscrizioni, vogliamo rinnovare l'invito a partecipare a questo straordinario concorso letterario. Solo uno di voi conquisterà l'ambitissimo portabanana e potrà vantarsi con gli amici per aver raggiunto lo status di scrittore di merda con tanto di pergamena!

Partecipare è molto semplice: basta scrivere un brevissimo racconto rispettando le direttive indicate nel regolamento (click).

Siete pronti per la sfida?

venerdì 28 marzo 2014

Giuseppe Loda, il mio autore preferito

Quella mattina la trascorsero quasi interamente sul giaciglio, dove ripetutamente Rinaldo diede sfogo alle sue voglie. Lei l'aveva sorpreso ripetutamente, accettando con gioia tutti i modi e le posizioni che avevano trovato per deliziarsi a vicenda.
Proprio mentre stavano per ricominciare, udirono delle voci che provenivano dall'esterno della capanna. 
“Chi mai sarà?” pensò Rinaldo.


Già. "Chi mai sarà?" mi son chiesto anch'io, ripetutamente, interrogandomi sull'identità dell'autore di questo capolavoro pubblicato su 20lines, intitolato "Per odio e per amore", segnalatoci dalla nostra lettrice Irene. Dovrebbe trattarsi di Giuseppe Loda, alias Giosep Lambert e, forse, anche alias Mery Lambert, in quanto non ho capito se si tratti di un altro suo pseudonimo. Ma non stiamo qui a cercare il pelo nell'uovo.

martedì 25 marzo 2014

Libri sulla scrittura


Cari Visitor,

oggi sarò ospite di Penna blu, il blog di Daniele Imperi, con un serissimo articolo dedicato ai libri sulla scrittura (le giovani leve della letteratura italiana vanno incentivate a produrre!).

Se volete leggere il mio post, cliccate QUI.

A presto!

giovedì 20 marzo 2014

Racconti di merda 2014: si parte!


Cari Visitor,

affilate penne e neuroni: avete tempo fino al 30 aprile per inviarci i vostri obbrobri!

"Racconti di merda", alla sua seconda edizione, è il concorso che premierà il racconto più brutto tra quelli pervenuti. Più o meno è ciò che fanno quasi tutti i concorsi letterari, ma almeno noi lo ammettiamo.

venerdì 14 marzo 2014

Ditemi se ne vale la pena!

Vi avviso: sto per stroncare sommariamente un romanzo. Sommariamente in quanto, se il buongiorno si vede dal mattino (e il mattino, nel caso specifico, in bocca non ha oro bensì un'alitosi da paura), questo libro non è da considerarsi un capolavoro.

mercoledì 12 marzo 2014

Piccola informazione di servizio

Cari Visitor,

Obbrobbrio sta ricevendo molte visite e condivisioni. L'effetto negativo di questa notorietà, oltre al fatto di dovervi sopportare, consiste in tonnellate di commenti di spam che, purtroppo, solo in parte vengono filtrati in automatico.

Lungi da me il voler attivare quel diabolico tritamaroni chiamato captcha o la moderazione dei commenti, ho dovuto limitare la possibilità di pubblicare commenti agli utenti registrati (inclusi open id). Se non avete ancora un account Google, registratene uno al volo: si tratta di perderci mezzo minuto.

Importante precisazione: 

Ho ricevuto alcune segnalazioni/lamentele di lettori convinti che io abbia censurato dei loro commenti. Ribadisco che non è mia abitudine operare censure. Lo dimostra il fatto che dei quasi 2500 commenti ricevuti mi è capitato solo in un paio di occasioni di effettuare cancellazioni - l'ultima più di un anno fa - in quanto questi contenevano palesi calunnie verso terze persone (quelle rivolte a me non le elimino: me le godo). Non si tratta di ipocrisia o bigottismo, ma del fatto che chi amministra un blog è perseguibile legalmente anche per contenuti pubblicati dai commentatori e, se permettete, se devo beccarmi una querela preferisco meritarmela senza aiuti esterni: sono uno sportivo.
Ho notato che le mie spiegazioni, date in privato, non hanno per niente convinto i lettori in questione dei quali, ribadisco, non ho mai eliminato mezzo commento. Mi dispiace, ma non farò alcuno sciopero della fame pur di farli ritornare su queste pagine.

Detto questo, andate a fanculo.

Alla prossima!

Alessandro 

lunedì 10 marzo 2014

Un giorno che resterà nella storia


Cari Visitors,

Obbrobbrio è appena entrato a far parte di quella macelleria della lingua italiana denominata 20lines. No, non fraintendeteci. Io e la Dott.ssa De Pedantis non abbiamo intenzione di partecipare a esperimenti di scrittura collettiva. Semplicemente, ci dedicheremo anima e corpo ai nuovi mostri talenti della letteratura nostrana, in un viaggio ricco di insidie che cambierà nel profondo sia noi che Obbrobbrio.
Vi confesso che, dopo aver letto i primi estratti, ho pensato che quel "20 lines" si riferisse al quantitativo di pannolini raccomandato per far fronte agli effetti lassativi delle prose in questione. Ci siamo imbattuti in mitomani semianalfabeti, stragi grammaticali e un quantitativo industriale di marchette, ovvero commenti del tipo "ottimo racconto, xke nn vieni a leggere il mio?".
Insomma, le premesse sono scoraggianti. Continuate a seguirci e a darci la forza per andare avanti in questo momento difficile.

sabato 8 marzo 2014

Dieci buoni motivi per scrivere di merda


  1. Chi vorrà leggere un buon libro eviterà comunque il tuo;
  2. scrivere male è facile e rilassante;
  3. scrivere male fa risparmiare denaro;
  4. scrivere male fa risparmiare moltissimo tempo prezioso da dedicare allo spam;
  5. più ti impegnerai, più sarai suscettibile alle critiche;
  6. anche se il tuo libro fosse un capolavoro, qualcuno lo riterrebbe una merda;
  7. anche se il tuo libro fosse un capolavoro non venderebbe un cazzo;
  8. in Italia, ogni anno più di cinquecento persone perdono la vita cercando di utilizzare un periodo ipotetico di terzo tipo;
  9. solo scrivendo male potrai ambire alla vittoria di un concorso letterario;
  10. Faletti.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...