venerdì 28 settembre 2012

Cosa sono i truzzi?

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=AtV5PQUUJvZ4Q_Y_HhbQleTjDQx.;_ylv=3?qid=20120927074744AAKDsPU

Tormentato dal dubbio, ho posto questa domanda su "Yahoo answers". Vi consiglio di prendere atto dell'atrocità delle risposte cliccando QUI. La domanda scadrà tra tre giorni e probabilmente si aggiungeranno altre risposte. Vorrei discuterne man mano con voi nell'area commenti sotto questo post.


domenica 23 settembre 2012

Come annoiare a morte il lettore

Immagine scroccata dal sito willmydoghateme.com

Il primo, indispensabile obiettivo per lo scrittore alle prime armi dev'essere quello di annoiare il lettore. Se sino a oggi avete considerato la vostra capacità di sintesi una dote, da questo momento dovrete imparare a detestarla, a rifuggirla come fosse un esattore comunale. "Per quale motivo?" si starà chiedendo il vostro neurone residuo. La risposta è semplice:

giovedì 20 settembre 2012

Come scrivere di merda




Cari Visitors,

come ben sapete, la rete pullula di pagine dedicate alla scrittura. Ci sono guide su come ideare la trama di un racconto, sugli errori da evitare in un racconto, su come pubblicare un racconto, su come incularsi un racconto. Queste linee guida sono in genere stilate da sedicenti autori, editor e insegnanti ai quali "On writing" di Stephen King ha fatto un brutto effetto.
Ma se il genio è per l'1% ispirazione e per il 99% traspirazione, come mai nonostante le suddette pregevoli divulgazioni il livello dell'offerta letteraria in Italia si fa sempre più deprimente?
Ai primi tre posti della classifica dei libri più venduti in Italia troviamo "Cinquanta sfumature di grigio", "Cinquanta sfumature di rosso" e "Cinquanta sfumature di nero". Per chi non lo sapesse, trattasi di romanzi erotici fanfiction di "Twilight". Per intenderci, è come se il sottoscritto scrivesse un romanzo in cui quella cazzo di "Signora in giallo" viene uccisa a colpi di attizzatoio e vendessi 20 milioni di copie.
Lungi da me voler criticare l'operato dei moderni guru dell'Arte dello Scrivere, anch'io ho deciso di dare un piccolo contributo alla causa. Non posso annoverare nel mio curriculum quattro lauree umanistiche e settantotto master in scrittura creativa, anzi vi dirò che di creativo la mia scrittura non ha proprio nulla.
Se siete in cerca di miracolosi vademecum, vi consiglio di frequentare assiduamente i salotti virtuali degli Umberto Eco in erba che diffondono il loro Sapere nel web.
In questo spazio, da buon aborto di scrittore quale sono, mi impegnerò a fondo per darvi utili consigli su come scrivere peggio o - come direbbe il buon René Ferretti - "a cazzo di cane".

PS: ma cos'è un attizzatoio? Ne avete mai avuto uno?



mercoledì 19 settembre 2012

Cacciatore inciampa e uccide suo figlio

http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Toscana/Tragedia-a-Fiesole-cacciatore-inciampa-e-dal-fucile-parte-un-colpo-che-uccide-il-figlio_313709718527.html
Fonte: adkronos.com

Anche questa è fresca fresca.
Non sapevo che in Italia fosse legale anche la caccia grossa.
Complimenti, genio!

domenica 16 settembre 2012

Il comico che condannò la satira


Cito dal blog di Beppe Grillo:
"Il film che insulta l'Islam e Maometto non è la causa dell'incendio che dilaga nei Paesi musulmani, è solo l'ennesima muleta rossa sventolata in faccia a chi non tollera più ingerenze da parte dell'Occidente".

Non sono per niente d'accordo. Non si tratta del primo episodio in cui la satira sulla religione scatena violenze del tutto ingiustificabili.
Qui non si tratta di conseguenze dell'oppressione occidentale. Si tratta di un proselitismo estremo quanto pericoloso che in molti sottovalutano additando di xenofobia chi riconosce in esso una minaccia.

Beppe Grillo ha più volte sparato a zero sulla chiesa cattolica. Cosa avrebbe dichiarato se, conseguentemente a una delle sue battute su Ratzinger & soci, ci fosse scappato il morto?






mercoledì 12 settembre 2012

Dante incontra l'hi-tech




Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai con un iphone mano
e la truzzetta accanto a me era stupita.

Ahi quanto a dir qual era è disumano
esta cagna dalle mire bramose
che dentro me la odiai più di Brignano.

già imbrattato di ditate oleose
quello schermo detestai come la morte
e oltre a ricevere chiamate fastidiose
vi dirò che altre funzioni non ne ho scorte.

Qualche giorno fa, capitato per caso su uno dei tantissimi blog "hi-tech" che ammorbano la rete, ho letto un articolo fantastico (di cui purtroppo non ho salvato il link, maledizione!). Il sedicente "blogger, giornalista freelance ed esperto di informatica", trattava l'annoso tema delle critiche ai tablet, ritenuti da molti totalmente inutili. Il post, lo giuro, iniziava pressappoco così: "devo sconfessare le critiche rivolte all'Ipad come strumento per l'elaborazione di testi". Interessante. Quindi esiste davvero qualcuno che preferisce quei maledetti touchscreen alla comodità di un portatile! Il punto è che l'articolo dell'intraprendente blogger continuava così: "io con la mia keyboard esterna riesco a scrivere senza alcun problema".
Keyboard? Una tastiera esterna? Ipad+tastiera… ma diventa un netbook, brutto pezzo di merda!
Sarà per il fatto che vivo ancora circondato da macchine per scrivere, o forse perchè sono nauseato dalla tecnodipendenza che affligge ormai vecchie e nuove generazioni, ma ucciderei a randellate qualunque coglionazzo disposto a indebitarsi pur di acquistare l'ultimissimo Iphone.

GIRONE: tecnodipendenti (detti anche "geek")

PENA: sodomizzati in eterno da un robot superdotato

CONTRAPPASSO: come nella vita cercarono comodità e sottigliezza, ora la brameranno per porre fine alla tumefazione dei propri sfinteri.

giovedì 6 settembre 2012

Generatore trame di best seller italiani

Sconvolto dall'estrema originalità dei prodotti letterari più venduti in Italia, ho deciso di mettere a disposizione questo generatore di trame di futuri best seller al fine di aiutare scrittori alle prime armi e professionisti della penna nel raggiungere il tanto agognato successo.

Ricaricate la pagina per visualizzare una nuova trama.

Cosa aspettate? Il prossimo Premio Strega potrebbe essere vostro!




clicca QUI per leggere una nuova trama

lunedì 3 settembre 2012

Essi Vivono

Marco, giornalista di destra, durante le sue meritate vacanze trascorse col magistrato Antonio Ingroia acquista un paio di tamarrissimi occhiali da sole da un "Vucumprà" senegalese. Provandoli, scopre una realtà diversa, in bianco e nero: i cartelloni pubblicitari contengono messaggi subliminali e in giro ci sono moltissime persone dall'aspetto simile a quello di capezzone. Hanno formato un partito politico fallocentrico, guidato da...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...